Un Blog di Claudio Gibellato dedicato alla grammatica italiana a un livello più avanzato, rivolto a quegli studenti che vogliono perfezionare il loro dominio della lingua italiana dal livello B1 al livello C1. Fai clic sui link sopra per vedere altri Blog dello stesso autore.

È nato un bambino

È nato un bambino

Leggi il seguente testo e completa le affermazioni che seguono scegliendo una delle quattro possibilità, puoi stampare l'esercizio prima di farlo. Controlla poi le tue risposte pulsando sul bottone "Soluzione", devi esserti registrato come utente per poter vedere le soluzioni. Puoi stampare l'esercizio  prima di farlo scaricandolo QUI


Molti anni fa tre strane figure andavano vagando per la pianura innevata. I tre forestieri bussarono alla porta di Jorim, il pastore, e dopo aver mangiato quel poco che il pastorello poteva offrire, dissero che erano tre astronomi, che venivano da molto lontano e, che una stella aveva loro rivelato che era nato un bambino che avrebbe cambiato il mondo con l’amore. 

Volevano trovare il nuovo re e dargli il benvenuto. La mattina seguente i tre partirono. Jorim rimase impressionato da tutto ciò che aveva udito e nacque in lui il desiderio di mettersi in cammino.

Così si diresse verso il villaggio e là raccontò del suo incontro e della lieta novella. La gioia che emanava da lui contagiò anche gli altri, che dimenticarono i tormenti e gli affanni quotidiani e cominciarono a cantare e a ballare.

* Ecco, prendi questo flauto – dissero al momento del congedo. – Il suo suono rallegrerà te e l’animo del bambino.

La sua strada lo portò poi davanti ad una casa sperduta. Là c’era un vecchio che stava spaccando della legna. Jorim lo aiutò e anche a quest’uomo raccontò dove era diretto.

- L’inverno è freddo e il cammino è lungo – disse il vecchio. – Prendi con te questa coperta di lana, riscalderà te e il bambino.

Jorim proseguì, sempre seguendo la stella. Per via incontrò una bambina che si era smarrita. Jorim la consolò suonandole il flauto, e l’aiutò a trovare la casa dei suoi genitori. Ancora una volta Jorim raccontò la storia dei tre astronomi e del bambino appena nato, che sarebbe stato d’aiuto a tutta l’umanità. La donna gli diede un pane con frutta secca appena sfornato.

Riprese il cammino e alla fine scorse una misera capanna. Sopra si era fermata la stella. Riconobbe i tre astronomi. C’erano dei pastori, poi un uomo e una donna che teneva un bambino tra le braccia. Egli coprì con la coperta di lana la donna e il bambino, poi prese il pane di frutta e lo distribuì. Infine col flauto suonò una melodia che narrava della miseria e della speranza degli uomini.

J. Capek – ‘E nato un bambino - Arka



1. Tre persone cercavano 
A) qualcosa da mangiare. 
B) un bambino che volesse fare il re. 
C) quello che una stella gli aveva rivelato. 
D) un posto per ripararsi dalla neve.

2. Quello che i tre forestieri dissero 
A) impressionò Jorim. 
B) era per dare il benvenuto a Jorim. 
C) convinse Jorim a rimanere a casa. 
D) convinse Jorim a dargli da mangiare.

3. Jorim si diresse verso il villaggio 
A) e raccontò dei tre forestieri. 
B) e raccontò una storia. 
C) e raccontò della nascita del bambino. 
D) e contagiò tutti gli altri.

4. la gente del villaggio 
A) cominciarono a ricordare i tormenti e gli affanni quotidiani. 
B) impararono a ballare e a cantare. 
C) suonarono il flauto per rallegrare Jorim. 
D) regalarono un flauto a Jorim.

5. Mentre Jorim viaggiava 
A) aiutò un vecchio a spaccare la legna. 
B) disse al vecchio che l'inverno è freddo e il cammino è lungo. 
C) diede una coperta al vecchio. 
D) rimase con il vecchio.

6. Jorim proseguì e 
A) incontrò la stella. 
B) insegnò a una bambina a suonare il flauto. 
C) una bambina lo accompagnò a casa dei suoi genitori. 
D) ricevette del pane dalla mamma della bambina.

7. Jorim riprese il cammino 
A) e alla fine vide una misera capanna. 
B) e la stella si fermò sopra di lui. 
C) e i tre astronomi lo riconobbero. 
D) e incontrò dei pastori che tenevano un bambino fra le braccia.

8. quando Jorim arrivò nella capanna 
A) si coprì con la comperta di lana. 
B) mangò il pane di frutta. 
C) suonò il flauto. 
D) raccontò della miseria e della speranza degli uomini.

SOLUZIONE

SHARE

Claudio Gibellato

Professore di italiano per stranieri alla Dante Alighieri dall’anno 2002 – Professore di italiano al liceo – Responsabile della creazione degli esami ministeriali di italiano per il Ministero dell’Educazione Pubblica – Autore di diversi blog sulla grammatica italiana, sui verbi italiani, per imparare l’italiano, ecc. – Esperto in programmazione web e marketing digitale

  • Image
  • Image
  • Image
  • Image
  • Image
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 comentarios:

Publicar un comentario