Un Blog di Claudio Gibellato dedicato alla grammatica italiana a un livello più avanzato, rivolto a quegli studenti che vogliono perfezionare il loro dominio della lingua italiana dal livello B1 al livello C1. Fai clic sui link sopra per vedere altri Blog dello stesso autore.

I tempi dei verbi italiani



I tempi dei verbi italiani


Quando parliamo di un’azione o descriviamo uno stato, normalmente dobbiamo indicare in quale momento si verifica, se sta succedendo in questo momento, se è già successo o se succederà più avanti.

Questo è possibile grazie alla desinenza del verbo che permette conoscere il tempo in cui si verifica l’azione o lo stato.

COMPR-O                adesso
COMPR-AVO           la settimana scorsa
COMPR-ERÒ          domani

Quando usiamo un tempo facciamo sempre riferimento al momento in cui stiamo parlando o scrivendo, possiamo dire quindi che:

il PRESENTE descrive un evento CONTEMPORANEO e si utilizza quando il fatto avviene nel momento in cui si parla o si scrive.

Il PASSATO descrive un evento ANTERIORE e si utilizza quando il fatto avviene in un momento anteriore a quello in cui si parla o si scrive

Il FUTURO descrive un evento POSTERIORE e si utilizza quando il fatto avviene in un momento posteriore a quello in cui si parla.

Il verbo, dunque, ha TRE TEMPI fondamentali che a loro volta si suddividono in altri tempi che permettono di descrivere diversi aspetti dell’azione o il rapporto tra due diversi momenti temporali.

Questi tempi, che descriveremo dettagliatamente più aventi sono:
  • Imperfetto
  • Passato prossimo
  • Passato remoto
  • Trapassato prossimo
  • Trapassato remoto
  • Futuro semplice
  • Futuro anteriore

I tempi verbali si distinguono in:

TEMPI SEMPLICI

Quando sono formati da una sola parola, formata dalla radice del verbo e dalla desinenza:

  • CANTA
  • ANDAVAMO
  • PARLARONO
  • VIAGGERÒ
  • ECC.

TEMPI COMPOSTI

Quando sono formati dall’unione di due parole, una voce dell’ausiliare essere o avere più il participio passato del verbo:

  • HA CANTATO
  • ERAVAMO ANDATI
  • EBBERO PARLATO
  • AVRÒ VIAGGIATO

Nei tempi composti l’ausiliare definisce quando viene effettuata l’azione, se al passato, al presente o al futuro, invece il participio passato se utilizza l’ausiliare essere può indicare il numero e il genere del soggetto che compie l’azione.


SHARE

Claudio Gibellato

Professore di italiano per stranieri alla Dante Alighieri dall’anno 2002 – Professore di italiano al liceo – Responsabile della creazione degli esami ministeriali di italiano per il Ministero dell’Educazione Pubblica – Autore di diversi blog sulla grammatica italiana, sui verbi italiani, per imparare l’italiano, ecc. – Esperto in programmazione web e marketing digitale

  • Image
  • Image
  • Image
  • Image
  • Image
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 comentarios:

Publicar un comentario